Storiografia della Valle Roveto

Storiografia della Valle Roveto
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La Valle Roveto solo ecclesiasticamente appartiene da immemorabili tempi alla diocesi di Sora (Lazio), ma etnicamente, geograficamente, linguisticamente essa, anche se confinata all’estremo lembo sud-occidentale dell’Abruzzo, è stata sempre considerata parte integrale di quest’ultimo. E’ un vero peccato che siano rimaste sepolte tante memorie di una regione, attraversata da un fiume storico, il Liri, testimone in epoche remote, durante le Primavere italiche, delle trasmigrazioni delle stirpi sabelliche, e teatro delle lotte combattute da Sanniti e Romani prima, da Italici e Romani dopo, nella Guerra Sociale o Marsa.

Indice | Etimologia e Storiografia della Valle Roveto

Dionigi di Alicarnasso asserisce che tra i primi abitatori dell’Italia centrale debbono essere ricordati gli Aborigeni. Questi abitarono i villaggi dispersi sui nostri monti fin dai tempi preistorici e occuparono precisamente la regione determinata dai corsi del Liri e del Tevere, alle falde degli Appennini: alle radici dei nostri monti (ad radices Apenninorum).

Posted by Redazione 02 17, 12 Commenti disabilitati
Continua a leggere

L’ antico nome di Valle Roveto | Storiografia della Valle Roveto

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Quale fu l’antico nome di Valle Roveto o Val Roveto? Negli scrittori latini, che hanno parlato dei Marsi e dei popoli confinanti con Valle Roveto, non si trova neppure un accenno alla nostra terra, chiusa tra due catene di monti e attraversata in tutta la sua lunghezza dal fiume Liri. Gli storici di Roma ricordano abbondantemente gli Ernici e i Volsci, che confinavano rispettivamente ad ovest e a sud con la nostra valle, e parlano spesso dei Marsi, (e la Valle Roveto si trova a sud-est della Marsica, di cui fece sempre parte) ma nessuno scrittore antico accenna con vocabolo proprio alla Valle Roveto come ad una entità geografica, distinta da altre terre per una sua particolare denominazione. Appare la nostra valle con nome suo, ben determinato e inconfondibile, solo nel secolo XI e neppure col nome attuale, ma con vocabolo che ha subito una lenta trasformazione nei secoli successivi, trasformazione per altro dovuta semplicemente ad un processo linguistico che riscontriamo abbastanza frequente in altri casi consimili. Con tale affermazione non intendo dire che nel secolo XI fu creato il nome che fisa geograficamente la nostra valle: voglio affermare che il suo nome è documentato soltanto in quel secolo e ufficialmente soltanto allora entrò a far parte della storia.  

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati
Continua a leggere

Paesi, Geologia e Forma della Valle Roveto, Clima e Piogge | Storiografia della Valle Roveto

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Quali Paesi Abbraccia la Valle Roveto La Valle Roveto abbraccia oggi sei Comuni: Canistro, Civitella Roveto, Morino, Civita d’Antino, San Vincenzo Valleroveto e Balsorano. E penso che soltanto essi abbiano il diritto storico di appartenervi etnicamente e geograficamente, con qualche riserva per Balsorano, solo per i secoli dell’alto Medio Evo. Si può solo dubitare per Balsorano, ed io non lo affermo con certezza. Infatti, Balsorano, derivato dall’antico nome di Vallis Sorana, come risulta da tutti i documenti a noi pervenuti dal secolo IX al secolo XIV, non sembra aver sempre fatto parte in epoche lontane, specialmente nell’alto Medio Evo, della Valle Roveto. A parte il suo dialetto più vicino in alcune parole a quello sorano che ai dialetti degli altri cinque Comuni della valle, certo il nome stesso di Balsorano avvalora in qualche modo tale opinione. L’antica denominazione di Vallis Sorana (Valle Sorana) ci dice che Balsorano fu un tempo un’appendice di Sora e che solamente più tardi diventò parte integrante di Valle Roveto. Negli Acta Imperii saeculi XIII si legge che uomini di Vallis Orbeti, Pescosolidi, Brocci, Vallis Soranae furono obbligati a riparare la rocca di Sora, la famosa rocca Sorella. Se Balsorano, almeno allora, fosse stato parte integrante di Valle Roveto, il documento addotto non l’avrebbe nominato come località distinta da Vallis Orbeti, che in quel secolo era il nome di Valle Roveto.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati
Continua a leggere

La Valle Roveto Nella Geografia | Storiografia della Valle Roveto

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il Liri, che comincia a scorrere nella nostra valle dopo pochissimi chilometri di distanza dalla sorgente, senza dubbi il nostro nome geografico più remoto nel tempo. Esso conobbe tutto il passato di Valle Roveto e continuò poi per millenni a trascinare con sé fino al mare il racconto a noi ignoto delle epoche geologiche e la segreta, leggendaria narrazione dei fatti primitivi da quando l’uomo appare per la prima volta in questa regione. Da allora gli abitanti di esse amarono questi monti, da cui ogni mattina il sole si levava e dietro cui tramontava ogni sera. Avrà visitato la Valle Roveto il geografo greco Stradone (65 circa a. C.-24 circa d. C.), che fa scendere con impeto verso Sora il fiume Liri, chiamato Clanis anticamente, diretto al Tirreno per Fregelle e Minturno?. E quando apparve sulle prime carte geografiche la terra bagnata nel primo tratto del suo corso del Liri, che poi a pochi chilometri dalla foce prende il nome di Garigliano?

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati
Continua a leggere

I Marsi Antinati | Storiografia della Valle Roveto

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dopo il capitolo precedente che introduce improvvisamente, anche se con molte incertezze, la Valle Roveto nella storia con l’episodio del 346 a. C., è venuto il momento di far luce sulla popolazione che abitò la nostra valle, sui nostri colli e alle pendici dei nostri monti. Se il più lontano passato ci fu contrario e avaro di notizie, non fummo completamente tagliati fuori della storia. A parte gli avvenimenti che potettero svolgersi nelle terre attraversate dal Liri nel suo primo corso e che noi possiamo ricostruire, seguendo le narrazioni degli storici latini, una indicazione, senza dubbio decisiva, del popolo che abitò Valle Roveto, ci viene data da Plinio il Vecchio, il grande naturalista (23-79), morto tragicamente nell’eruzione del Vesuvio.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati
Continua a leggere

La Valle Roveto Durante la Repubblica Romana e L’Impero | Storiografia della Valle Roveto

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Che avvenne dopo l’episodio del castello espugnato presso il Fucino dai Romani? Mai nominata, la valle del corso superiore del Liri fu certamente ora partecipe delle fortune di Roma, ora spettatrice dei gravissimi rovesci delle legioni romane, ora vittima di saccheggi e di devastazioni. Siamo arrivati al 340 a. C.. Era in pieno svolgimento la Guerra Latina. Tutta la nostra valle brulicava d’armati, pur non essendo spenti del tutto gli echi delle battaglie, sostenute da Roma contro i Volsci. Sora era caduta da cinque anni, nel 345, in mano dei Romani, ormai lanciati nella via delle conquiste e decisi a controllare le strade di Valle Roveto e della conca del Fucino. Non sappiamo l’itinerario delle legioni romane che affrontarono nel 340 la lega dei Latino-campani. “Per Marsos Pelignosque profeeti”, dice Tito Livio, i Romani, assieme ai Sanniti, divenuti in quella circostanza alleati, giunsero a Capua e vinsero in una grande battaglia campale, alle falde del Vesuvio, i due popoli collegati.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati
Continua a leggere