Castronovo | Borghi e storia della Valle Roveto

Castronovo | Borghi e storia della Valle Roveto

Non è altro che Castel Gualtieri del Catalogo dei Baroni del 1173, quando aveva presso a poco 125 anime. È molto probabile che fosse chiamato così perché vi sorgeva un castello. Perché Gualtieri? Forse il suo primo signore si chiamò Gualtieri o Walter quando fu costruito il castello, attorno al quale sorse il primo gruppo di case? Forse in seguito il paese, rinnovato, prese il nome di Castronovo o Castello Nuovo?

Posted by Redazione 02 14, 11 Commenti disabilitati su Castronovo | Borghi e storia della Valle Roveto
Continua a leggere

Canistro | Borghi e storia della Valle Roveto

Canistro | Borghi e storia della Valle Roveto

Nella località Santacroce, dove è stata trasportata la sede del Municipio dopo il terremoto del 1915, mentre prima era stata soltanto una frazione di Canistro (oggi Canistro Alto), dovette sorgere con molta probabilità anticamente un pagus, un piccolo villaggio, appartenente all’Agro Antinata. Infatti, ovunque si è scavato, sono venuti fuori resti di costruzioni in laterizi, di vecchia data. Nel 1888, nel territorio di Santacroce, fu ritrovata una epigrafe che allude ai Marsi Antinati. Sia in questa epigrafe come in altro frammento, anche esso scoperto nel territorio di Santacroce, leggiamo la magistratura dell’antica Antino. 

Posted by Redazione 02 14, 11 Commenti disabilitati su Canistro | Borghi e storia della Valle Roveto
Continua a leggere

Balsorano | Borghi e storia della Valle Roveto

Balsorano | Borghi e storia della Valle Roveto

Che l’attuale Balsorano derivi il suo nome dalla corruzione della medioevale Vallis Sorana, cioè Valle Sorana, nessuno potrà mettere in dubbio. Contorcere la denominazione Balsorano, come qualcuno ha fatto nel passato, e piegarla ad altre interpretazioni mi sembra volere andare contro l’eloquente significato delle parole e voler negare addirittura la tradizione che fu continua e mai venne meno nei secoli. Che poi la valle, ove sorgeva l’antico Balsorano, prendesse l’aggettivo che lo determinasse dalla vicina città di Sora, non deve meravigliare nessuno. Balsorano era il primo paese che s’incontrava venendo da Sora nell’entrare in Valle Roveto. E data l’importanza che ebbe Sora nelle lotte che si svolsero tra Sanniti e Romani nei secoli quarto e terzo avanti Cristo prima, e non dimenticando nello stesso tempo il valore strategico che fu dato alla Valle Roveto nella Guerra Italica o Marsa dopo, quando le legioni di Roma risalivano da Sora fino alla Valle Roveto la corrente del Liri per prendere alle spalle i Marsi ribelli, non c’e proprio da meravigliarsi se i luoghi più vicini a Sora abbiano dato in tempi posteriori al paese che vi sorse il nome di Valle Roveto.

Posted by Redazione 02 14, 11 Commenti disabilitati su Balsorano | Borghi e storia della Valle Roveto
Continua a leggere

Fenomenologia del brigantaggio nella Valle Roveto

Fenomenologia del brigantaggio nella Valle Roveto

Chi legge le cronache di questo periodo e gli storici che hanno ricostruito a grandi linee le giornate drammatiche che portarono nel 1860, dopo l’entrata di Garibaldi in Napoli, avvenuta il 7 settembre di quell’anno, al crollo dei Borboni e alla fine del loro Regno, troverà pochi cenni sui fatti che si svolsero in quei mesi turbinosi in Valle Roveto. Quanto sto per narrare è naturalmente cronaca locale, che potrebbe interessare soltanto chi si accingesse a tramandare in tutti i particolari gli avvenimenti di cui furono teatro singole regioni, però io sono convinto di non dispiacere ai lettori della mia terra, se per essi ho raccolto qua e là notizie che ci riguardano e portano un po’ di luce sulle vicende che tormentarono allora anche i nostri paesi.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su Fenomenologia del brigantaggio nella Valle Roveto
Continua a leggere

Dalla Calata dei Francesi (1798-1799) all’Ottocento | Storiografia della Valle Roveto

Anche dopo l’entrata in Napoli delle truppe francesi e la proclamazione della Repubblica Partenopea, non deposero mai le armi i borbonici in Abruzzo. La Valle Roveto e la Valle del Liri, in quel turbinoso 1798 e nel seguente terribile anno 1799, furono testimoni di un ininterrotto passaggio di soldati: prima gli eserciti di Ferdinando IV, poi le truppe francesi, in ultimo le bande armate che contrastavano il rafforzamento delle posizioni al generale francese Championnet e alle nuove istituzioni, portate dalla Francia. Non ebbero così vita facile i Francesi in Terra di Lavoro e in Abruzzo.Anche se vittoriosi, tanto da costringere alla fuga il re di Napoli e da proclamare la Repubblica Partenopea, i Francesi, sempre minacciati dai reazionari nelle province, spesso si scontrarono, subendo gravissime perdite, con le milizie rimaste fedeli ai Borboni.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su Dalla Calata dei Francesi (1798-1799) all’Ottocento | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere

Dai Conti D’Albe ai Colonna | Storiografia della Valle Roveto

In un testamento redatto a Morino nel 1383 e conservato in una pergamena di Trisulti (Frosinone), la testatrice desiderò che ai suoi funerali partecipassero tutti i Sacerdoti di Valle Roveto (ancora Vatlis Urbeti), da Pescocanale in giù. Incomincio il capitolo con questa notizia per ribadire la mia convinzione che i limiti a nord di Valle Roveto erano già da molti secoli ben definiti. Essi non andarono mai oltre Pescocanale. Inoltre, come appare dall’accennato documento e da molti altri, la Valle Roveto continuò a chiamarsi nel secolo XIV e nel secolo XV Vallis Urbeti.Tuttavia l’antico nome si andò sempre più trasformando per passare poi alla nuova denominazione, che fu la definitiva, di Valle Roveto; durante i secoli della trasformazione si chiamò anche, come risulta da pergamene e da inventari, Valle Orveto o d’Orvieto.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su Dai Conti D’Albe ai Colonna | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere