La Valle Roveto, Via degli Imperatori. Corrado D’Antiochia | Storiografia della Valle Roveto

I motivi del titolo dato al capitolo si basano sulle fonti storiche del tempo, vale a dire sulle cronache di uno storico contemporaneo ai fatti narrati: Riccardo da S. Germano, notaio anche di Montecassino. Questo storico, testimone oculare degli avvenimenti, curò due edizioni delle sue cronache. Di esse, la prima va dal 1208 al 1226 e la seconda, partendo dal 1189, giunge al 1242, otto anni prima della morte di Federico II. Una cronaca di Riccardo comparve durante il XVI secolo nell’Italia Sacra dell’Ughelli, e poi tutte e due le cronache comparvero nel secolo seguente, nella raccolta del Muratori, che va dal 500 al 1500. A principio del nostro secolo, la raccolta del Muratori, preceduta da un ampio studio critico, fu ristampata in edizione nazionale. E passo alla narrazione degli avvenimenti.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su La Valle Roveto, Via degli Imperatori. Corrado D’Antiochia | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere

Il Secolo XII e il Catalogo dei Baroni | Storiografia della Valle Roveto

All’inizio del XII secolo continua l’influenza di Montecassino in Valle Roveto; Pasquale II (1113) e Callisto II (1123) riconfermano ancora a Montecassino i possessi del monastero nei nostri paesi. Nelle Bolle dei precedenti pontefici erano stati sempre nominati, con gli altri beni del monastero cassinese, S. Benedetto a Pascusano, S. Pietro in Morino e S. Angelo di Pescocanale. Avendo accennato a Pasquale II (1099-1118), non posso non ricordare il Privilegio che questo Pontefice inviò il 9 febbraio del 1110 al vescovo sorano, Goffredo (o Roffredo), per la delimitazione dei confini della diocesi di Sora. Da quella pergamena oggi perduta, ove era trascritta l’autentica lettera apostolica, già illeggibile e consumata ai tempi dell’Ughelli, risultava che i confini della diocesi sorana erano presso a poco quelli di oggi.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su Il Secolo XII e il Catalogo dei Baroni | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere

Dopo il Mille, nell’ Influenza di Montecassino | Storiografia della Valle Roveto

Il secolo XI, che viene dopo la temuta data del Mille, è il secolo che mette decisamente la Valle Roveto nel corso della storia. Infatti, soltanto in quel secolo appare il nome storico della nostra valle, anche se esso non dovette balzare improvviso. Forse apparteneva già da lungo tempo alla storia, come ho detto all’inizio di questo studio. I procellosi avvenimenti delle epoche precedenti, funestati dalle invasioni dei barbari e dalle dure dominazioni straniere, lasciarono purtroppo dietro di sé solo il vuoto e il silenzio. Eppure gli uomini avevano assistito ad un’epoca di grandi fatti: il Papato aveva affermato i suoi giusti diritti nel mondo nel nome di Cristo e del Vangelo; i Carolingi prima e gli Ottoni dopo avevano ricostruito sulle rovine di Roma e nel suo nome augusto il Sacro Romano Impero; generazioni di monaci, discesi per vari rami da S. Benedetto di Norcia e desiderosi di dare nella preghiera e nel lavoro un avvenire migliore agli uomini, avevano esteso a tutta l’Europa la loro attività; l’Islam, anche se arrestato a Poitiers (a. 732) da Carlo Martello, aveva percorso con rapidità vertiginosa molti dei paesi adagiati sulle sponde del Mediterraneo, lasciando ovunque tracce inconfondibili della sua civiltà.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su Dopo il Mille, nell’ Influenza di Montecassino | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere

La Valle Roveto Nell’Alto Medio Evo | Storiografia della Valle Roveto

La Valle Roveto Nell’Alto Medio Evo Mentre si inseguirono le dominazioni dei Goti, dei Bizantini, dei Longobardi, dei Franchi e degli Ottoni, durante i cinque secoli durissimi, che vanno dalla caduta dell’Impero Romano alla fine del primo millennio dell’Era Cristiana, Valle Roveto divenne la via preferita di molti eserciti, diretti a sud o a nord d’Italia, mossi da brama di conquista o da spirito di vendetta o da sola sete irresistibile di saccheggio. E quando coi Longobardi cominciò la sua storia il Ducato di Spoleto, Valle Roveto fu il confine tra questo e il Ducato di Benevento. Nessuna meraviglia che nei tempi delle invasioni barbariche quasi tutti i paesi della nostra terra sorsero alle pendici dei monti o in luoghi lontani dal fondo della valle.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su La Valle Roveto Nell’Alto Medio Evo | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere

La Valle Roveto Durante la Repubblica Romana e L’Impero | Storiografia della Valle Roveto

Che avvenne dopo l’episodio del castello espugnato presso il Fucino dai Romani? Mai nominata, la valle del corso superiore del Liri fu certamente ora partecipe delle fortune di Roma, ora spettatrice dei gravissimi rovesci delle legioni romane, ora vittima di saccheggi e di devastazioni. Siamo arrivati al 340 a. C.. Era in pieno svolgimento la Guerra Latina. Tutta la nostra valle brulicava d’armati, pur non essendo spenti del tutto gli echi delle battaglie, sostenute da Roma contro i Volsci. Sora era caduta da cinque anni, nel 345, in mano dei Romani, ormai lanciati nella via delle conquiste e decisi a controllare le strade di Valle Roveto e della conca del Fucino. Non sappiamo l’itinerario delle legioni romane che affrontarono nel 340 la lega dei Latino-campani. “Per Marsos Pelignosque profeeti”, dice Tito Livio, i Romani, assieme ai Sanniti, divenuti in quella circostanza alleati, giunsero a Capua e vinsero in una grande battaglia campale, alle falde del Vesuvio, i due popoli collegati.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su La Valle Roveto Durante la Repubblica Romana e L’Impero | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere

I Marsi Antinati | Storiografia della Valle Roveto

Dopo il capitolo precedente che introduce improvvisamente, anche se con molte incertezze, la Valle Roveto nella storia con l’episodio del 346 a. C., è venuto il momento di far luce sulla popolazione che abitò la nostra valle, sui nostri colli e alle pendici dei nostri monti. Se il più lontano passato ci fu contrario e avaro di notizie, non fummo completamente tagliati fuori della storia. A parte gli avvenimenti che potettero svolgersi nelle terre attraversate dal Liri nel suo primo corso e che noi possiamo ricostruire, seguendo le narrazioni degli storici latini, una indicazione, senza dubbio decisiva, del popolo che abitò Valle Roveto, ci viene data da Plinio il Vecchio, il grande naturalista (23-79), morto tragicamente nell’eruzione del Vesuvio.

Posted by Redazione 02 11, 11 Commenti disabilitati su I Marsi Antinati | Storiografia della Valle Roveto
Continua a leggere